NOTIZIE ED ALLERTE METEO

Di seguito potete leggere le notizie e le allerte meteo a Ronchi dei Legionari.


Editoriale primavera 2022
Data: 15/06/2022
 
Tabella riassuntiva della primavera 2022  + confronto con la primavera 2021 e la media '91/'20
 
Stagione primaverile che è risultata alla fine quasi in linea con le media di riferimento dell'ultimo trentennio ma con un distinguo; marzo ed aprile hanno chiuso sottomedia mentre il mese di maggio è risultato molto caldo con una prevalenza dei valori di temperatura quasi sempre superiori alla media. Le giornate completamente serene risultano del 10% in più della media mentre quelle coperte non si discostano molto; un dato molto indicativo lo si evince dalle 8 giornate inferiori agli 0° contro le 3 della media ma nello stesso tempo sono aumentate parecchio quelle superiori alla soglia dei 30°. Passiamo alla nota dolente e cioè quella delle precipitazioni che confermano un periodo estramamente siccitoso dove l'accumulo totale è dimezzato rispetto la norma e tutti i parametri associati, tranne quello relativo all'evento superiore ai 30mm, dimostrano l'andamento negativo in atto.
 
 
 
 
Andamento temperature medie giornaliere (barre colorate) primavera 2022
Linea gialla: media ultimi 30 anni
 
Grafico molto eloquente dove si notano i primi due mesi sottomedia termica mente maggio in netta prevalenza di colore rosso stante a significare valori medi di temperatura ben oltre alle medie di riferimento; gli estremi vanno da un valore medio di 4,7° raggiunto il 13 marzo e quello di 24,3° nella giornata del 27 maggio. 
Valori sottomedia: 36 giorni
Valori sopramedia: 38 giorni
Valori +/- 0,5°: 18 giorni
 
 
 
 
Andamento giornaliero delle piogge primavera 2022 (barre bianche).
Linea blu: andamento progressivo delle piogge in questa primavera 2022
confronto la media trentennale 1991/2020 (sfondo celeste)
 
Stagione avara di precipitazioni nel complesso con un unico dato rilevante raggiunto proprio nell'ultimo giorno di marzo con ben 46,6mm ma non sufficiente come si diceva a limare il persistente deficit idrico che oramai si protrae da parecchio tempo. Alla fine il gap risulterà del 50% a confronto della media degli ultimi 30 anni.
 
 
 
 
Temperature medie primaverili ultimi 30 anni
 
Alla fine il valore medio risulterà di soli 3 decimi superiore alla media del periodo 1991/2020; la primavera più calda con i suoi 16,4° di media come si vede dal grafico è ben lontana ma l'esperienza degli ultimi anni ci suggerisce ben altro. Staremo a vedere...!
 
 
 
 
ciao, ciao...
 
 




 Postato il 01/10/2015  |  Invia ad un amico  |  Visite: 323034  | 
123