Editoriale novembre 2022

Data: 10/12/2022

Tabella riassuntiva di Novembre 2022 + confronto con novembre 2021 e la media 1991/2020

Dopo un mese di ottobre contraddistinto da eccessi termici e carenza idrica, questo ultimo mese della stagione autunnale presenta nella sua prima decade almeno una certa linearità nella precipitazioni, di contro invece non si può dire per l’andamento termico. Infatti  nonostante il transito sulla regione di due moderati fronti atlantici nelle giornate del 3/4 e del 10 che hanno dispensato complessivamente più di 70mm di pioggia, i valori termici specialmente quelli massimi sono rimasti comunque dai 2/3 gradi sopra la media. Per quanto riguarda invece quelli minimi vuoi per l’avanzare della stagione con il sole sempre più basso all’orizzonte, vuoi per alcune nottate totalmente serene ed in assenza di vento allora si che abbiamo registrato temperature ad una cifra e quasi in linea con le medie. Da segnalare l’evento eccezionale del 10 ottobre nelle località di Grado e Fossalon dove si sono registrate nell’arco delle 24 ore un accumulo totale rispettivamente di 193,8mm e 90,8mm. Successivamente e per buona parte della seconda decade mensile si è visto finalmente la porta Atlantica spalancata con l’inserimento di alcuni fronti più o meno estesi ma capaci di riportare ulteriori apporti pluviometrici, non molto marcati a dire il vero, e mantenere spesso i cieli coperti con valori termici sempre sopra la norma e contenuta escursione termica. Arriviamo così alla fine del periodo dove va sicuramente evidenziato il notevole episodio di maltempo nella giornata del 22 complice un esteso vortice ciclonico centrato proprio sull’alto Adriatico, in veloce spostamento verso il centro-sud nella giornata successiva ma capace di generare piogge intense, venti forti di bora nei bassi strati con raffiche massime nel Monfalconese tra i 70/90 km/h e le prime significative nevicate sulle montagne della nostra regione già a quote interessanti proprio a partire dai 600/700m.; la classica giornata da lupi!!! A seguire ristabilimento delle condizioni meteo con clima più frizzante e bora sulla costa. Riassumendo è stato un novembre un po' più caldo della media (+1,2°) mentre le precipitazioni sono risultate inferiori del 18% rispetto il periodo di riferimento 1991/2020. Distribuite in maniera omogenea nel corso del mese le giornate con cielo sereno nuvoloso o coperto, comunque non lontano questo 2022 dalla media trentennale di riferimento. Tornando alle piogge questo novembre con 130,8 mm è il 17esimo mese sugli ultimi 18 con precipitazioni inferiori alla media. Da giugno 2021 ad oggi solo il recente mese di settembre è riuscito a superare la media trentennale ! Da rilevare che non c'è stata nessuna minima sotto lo zero mentre vanno segnalate le due giornate con temporale, sintomo questo di un mare ancora estremamente caldo.

Andamento temperature medie giornaliere (barre pervinca) Novembre 2022
Temperature minime linea blu e massime linea rossa,
 Linea bianca: media ultimi 30 anni

Ennesimo mese sopramedia termica, anche se alla fine lo scarto non è stato così pronunciato come il mese di ottobre; addirittura le prime due giornate hanno registrato ancora valori sopra i 20° ma sino alla metà della seconda decade l'anomalia positiva era perpetua. Solo sul finire del periodo l'ingresso di aria più fredda ha fatto si che i valori scendessero un po sottomedia, ma alla fine comunque il mese ha chiuso con un +1,2°. Gli estremi vanno da 20,7° come valore massimo a 2° di minima raggiunto il giorno 28. 

Andamento giornaliero delle piogge di Novembre 2022 (barre bianche).
Linea blu: andamento progressivo delle piogge in questo Novembre 2022
confronto la media trentennale 1991/2020 (sfondo celeste)

Rispetto al mese di ottobre si è visto per fortuna una ben augurante ripresa delle precipitazioni distribuite direi anche in maniera abbastanza omogenea nell'arco dell'intero periodo; addirittura si sono verificati due cumulati oltre i 30mm nelle giornate del 10 e del 22 dove quest'ultimo evento ne ha scaricati al suolo ben 43,4. Alla fine il gap comunque segnala una mancanza del 18% rispetto la media dell'ultimo trentennio.

ciao, ciao...

Torna alle notizie e allerte meteo

Invia ad un amico   |   Visite: 31   |