MEN¨ VISTA / RICERCA

Notizie / pagina
Ordina i risultati per
Testo da ricercare

NOTIZIE ED ALLERTE METEO

Di seguito potete leggere le notizie e le allerte meteo a Ronchi dei Legionari.


Cronaca meteo!
Data: 02/08/2020

La notte più caliente...!!!

Quella appena trascorsa è stata sin qui la nottata più calda di questa strana estate 2020; da come potete notare dal grafico qui sotto i valori notturni sono stati davvero alti, a partire dai 28° di ieri sera alle h. 22.00 e per buonissima parte della notte, la temperatura si è mantenuta sempre sopra i 26° eccetto una lievissima e temporanea flessione attorno alle h. 02.30 per poi risalire nuovamente sino alle h. 06.30. Il valore minimo in effetti si registra attorno alle h. 06.40 con 24,7°, valore di tutto rispetto...! Giusto un cenno al termine "notte tropicale", si intende quando la temperatura rimane sempre superiore ai 20° per tutta la notte ( in questo caso tra il tramonto del giorno 01 e l'alba di oggi 02 agosto. Ricordiamoci che per l'intera settimana siamo stati interessati da un potente anticiclone caldo di matrice Africana e che ieri pomeriggio, udite udite... il valore massimo ha raggiunto la bellezza dei 37,9°C.

ciao, ciao...

Osservazioni climatiche...!
Data: 23/07/2020

Caldo Africano in vista??? Chiediamolo all'ITCZ...

Un buon parametro per cercare di capire le mosse dell'alta pressione africana è l'ormai famoso ITCZ (InterTropical Convergence Zone). Si tratta della zona di convergenza intertropicale situata mediamente sull'equatore. Questa ipotetica linea, chiamata anche equatore climatico, fluttua a nord e a sud a seconda delle stagioni. I suoi movimenti determinano anche lo spostamento verso sud o nord delle alte pressioni subtropicali (che si estendono immediatamente a nord e a sud della ITCZ), determinando così un forte influsso anche sul tempo di casa nostra. Una maggior estroflessione dell'ITCZ verso nord facilita le rimonte dell'alta pressione Africana verso il Bacino del Mediterraneo e l'Italia. Di conseguenza, in estate, questo parametro diventa fondamentale per la previsione di una possibile risalita del famigerato "Gobbo". In base all'ultimo aggiornamento della seconda decade di luglio si può notare la linea nera che rappresenta la sua altezza media, la sua linea rossa ( posizione che rappresenta il periodo che va dal 10 al 20 luglio ) determini una maggiore risalita verso nord di questo valore specie nei settori centro-orientali del continente Africano; da ciò si può dedurre una maggiore propensione della risalita dell'alta pressione tropicale verso le nazioni più a est del Mediterraneo e vicina Russia. Sinora il bacino centrale del Mediterraneo, con annesso il nostro bel Paese, ha visto nella sua prima parte della stagione estiva prevalere il tanto famigerato anticiclone delle Azzorre, indiscusso protagonista delle vecchie estati anni '70/'80 e di tanto in tanto con fresche e veloci incursioni delle correnti Atlantiche, facendo si che i valori medi registrati fin qui si sono mantenuti in linea o addirittura in certe zone leggermente sotto le medie storiche di riferimento 1981/2010. Concludendo il rischio di forti invasioni bollenti dal continente Africano per i prossimi 10 giorni è limitato ma ci sono altri segnali a più lunga gittata che fanno presagire un inizio del mese di Agosto rovente, staremo a vedere con il prossimo aggiornamento ITCZ.....!

ciao, ciao...

Editoriale giugno 2020
Data: 08/07/2020

Tabella riassuntiva di Giugno 2020 e confronto con Giugno 2019 e la media 1981/2010

 

Primo mese della stagione estiva che nella sua prima metà del periodo ha avuto caratteristiche decisamente “old-style”; si intende con questo termine una spiccata dinamicità atmosferica condita da frequenti precipitazioni e clima fresco a temporanee fasi di tempo migliore. Questo era il classico tempo degli anni ’80 dove sino a metà mese raramente scoppiava la vera estate e le incursioni del feroce anticiclone Africano erano ben che lontane dai nostri territori, mentre il famigerato Azzorriano metteva le sue radici solo a partire dalla terza decade. Solo a partire dalla terza decade, un timido promontorio mobile di alta pressione di matrice “ibrida”, ha regalato qualche giornata di vero stampo estivo e, come pubblicato nei titoli di cronaca sul sito dedicato, nella giornata del 22 giugno si è registrata la prima temperatura massima sopra i 30°C della stagione. Sino a fine periodo si sono alternate belle giornate senza alcun eccesso termico a brevi ritorni di instabilità specie nelle aree più interne ma localmente anche in alcune zone di costa. Riassumendo il mese di giugno è risultato in perfetta media termica e molto piovoso nella sua prima parte collocandosi solo al secondo posto dopo il giugno del 1995 con i suoi 225,2mm. Metà mese con giornate prevalentemente coperte, esattamente 15 e solo 9 quelle serene, non ha fatto molto caldo rispetto al giugno rovente dell'anno scorso, soltanto 4 giornate che hanno superato la soglia dei 30°C e tutte in ultima decade dove pure si sono verificate le prime due notti tropicali della stagione. 

 

 

Andamento temperature medie giornaliere (barre arancioni) di Giugno 2020

Temperature minime linea blu e massime linea rossa,

Linea gialla: media trentennio 1981/2010

Temperatura mediamente sempre in linea o leggermente sotto di 1/2 gradi nelle prime 2 decadi del mese. Dal giorno 22 invece, al contrario, più alte invece di 2/3 gradi. Guardando le  temperature massime si sono mantenute sempre tra i 26 e i 28 gradi nelle prime 3 settimane eccetto i giorni di maltempo,  mentre sono schizzate ben sopra i 30 gradi dopo il giorno 22. Temperature minime con poche oscillazioni e con un aumento più costante nel corso del mese sino a non scendere sotto i 20 gradi proprio nell'ultimo giorno del mese.

 

 

Andamento giornaliero delle piogge di Giugno 2020 (barre bianche).

Linea blu: andamento progressivo delle piogge in questo Giugno 2020

confronto la media trentennale 1981/2010 (sfondo azzurro)

 

Partenza di giugno 2020 con tanta pioggia come testimoniano gli 8 giorni di pioggia nei primi 11 giorni del mese per un totale di 174 mm. Calo delle precipitazioni nella seconda decade ed ancora più nella terza dove sono caduti solo 9 millimetri e mezzo di pioggia. Notevole la differenza con la media trentennale: +120% e 117 mm di pioggia in più. Al giorno 16 si è toccato la massima differenza tra i millimetri caduti in più in questo giugno confronto la media del trentennio 1981/2010: ben 141.7 mm, scesi poi a fine mese a 117 mm.

 

 

ciao, ciao...

Osservazioni climatiche...!
Data: 01/07/2020

Anomalie termiche in Europa nel mese di Giugno 2020

 

Se dobbiamo guardare il vecchio continente nel suo complesso i dati medi in questo mese di giugno 2020 appena trascorso parlano di una anomalia media appena superiore ad un grado a confronto della media storica di riferimento 1981/2010; nel dettaglio spicca su tutti la penisola Scandinava con pesanti anomalie positive superiori anche agli 8/9°C ma anche Islanda, buona parte della Russia Europea ed il Regno Unito centro settentrionale non sono da meno. Le regioni più fresche o in media termica risultano invece Spagna, Francia, bacino del Mediterraneo, vicini Balcani e buona parte dell'Italia; per quanto riguarda le regioni Alpine e Austria viaggiano addirittura con anomalie negative davvero considerevoli. Se ricordiamo bene il mese di giugno 2019 è stato uno dei peggiori in termini di caldo; qui di seguito vi posto le due mappe relative a giugno 2019 e giugno 2020 dove le differenze termiche sono davvero notevoli mentre il valore termico rosso in alto a sinistra rispecchia lo scostamento a confronto della media storica del trentennio 1981/2010 relativo alla stazione di Ronchi dei Legionari.

cliccare su immagine per ingrandire

 

ciao, ciao...

Cronaca meteo...!
Data: 23/06/2020

Ieri 22 giugno 2020.....

si è registrata per la prima volta quest'anno la temperatura massima oltre i 30°C; esattamente alle h. 18:40 la colonnina del mercurio si è fermata a 31,2°C. Ultima volta che successe in terza decade fu il 25 giugno del 2001

ciao, ciao...

     Pagina di  33    




 Postato il 01/10/2015  |  Invia ad un amico  |  Visite: 89099  | 
123